Heike Kati Barath

© Heike Kati Barath

La pittrice Heike Kati Barath ha acquisito notorietà a partire dalla fine degli anni 1990 soprattutto per i suoi quadri di grande formato. Dipinti di conigli che coprono un'intera parete, giovinette dallo sguardo strano, ragazzi adolescenti o figure di yeti mascherate a metà tra scherzo e tetraggine: i dipinti di Barath sono popolati da creature da fumetto e riflettono la nostra attrazione per i mondi fiabeschi o fantastici – un fascino che si manifesta anche nel successo di serie televisive come Il trono di spade o di numerosi videogiochi.

Avanti

Barath sa riprodurre con esattezza particolari della mimica in grado di sortire grande effetto. Lo studio della fumettistica ha individuato il cosiddetto "effetto maschera", che descrive il fenomeno per cui i personaggi più amati delle strisce sono proprio quelli con i tratti del viso più schematici: punto, punto, virgola, trattino. Queste caratteristiche si ritrovano anche nei dipinti di Barath. Nella serie di opere che la Mobiliare ha acquistato nel 2015 direttamente dall'artista, stati d'animo diversissimi vengono espressi da ritratti simili a maschere che appaiono di volta in volta spaventati, melanconici, inquisitori o scaltri. Nella produzione artistica di Barath il volto appare come un nostro rappresentante immaginario: le sue figure, nonostante la teatralità carnevalesca, sembrano rivelare moti dell'animo che riusciamo a leggere e interpretare come in un riflesso allo specchio. E ci pongono delle domande: Quali sono i tuoi sentimenti? E come li mostri?

Barath è stata docente presso l'Accademia di Belle Arti di Münster dal 2008 al 2012 e dal 2013 è Professoressa di pittura figurativa presso l'Istituto superiore d'Arte di Brema. Il suo linguaggio estetico derivato da cultura giovanile, film dell'orrore, strisce di fumetti e kitsch infantile pone accenti inconfondibili nel mondo dell'arte

Heike Kati Barath è nata a Vaihingen an der Enz (Germania) nel 1967 e vive a Berlino (Germania).

Campi di attività: quadri a olio, lavori di carta, disegni murali temporanei

X Meno