Rémy Markowitsch

© Rémy Markowitsch

L'artista concettuale Rémy Markowitsch è un appassionato collezionista di materiale fotografico che prende dalle pubblicazioni sui viaggi e sull'epoca delle esplorazioni geografiche e che rielabora in chiave artistica. Il suo interesse per il rapporto tra tradizione e progresso lo ha portato anche a occuparsi in modo approfondito della storia del colonialismo e del mondo delle Alpi. Quando le sue immagini presentano bulbi di tulipani il tema è invece, con grande sorpresa per l’osservatore, il rischioso gioco con la fortuna con il primo crollo di borsa.

Avanti

La serie di fotografie di tulipani dal titolo Bullish on Bulbs («speculare sui bulbi») fa riferimento al commercio dei bulbi di tulipani che nel XVII secolo sfuggì di controllo. Il primo crac finanziario della storia risale infatti all'anno 1637 e fu innescato dal crollo del mercato dei bulbi di tulipani in Olanda, causando anche a Rembrandt una notevole perdita economica. Il riferimento nei titoli delle immagini a una variante giapponese, a una asiatica e a una europea si ricollega al trading globale delle opzioni del giorno d’oggi. L'installazione fotografica polittica Alps mostra immagini degli annali del Club Alpino Svizzero dal 1925 al 1946. Il mondo alpino incontaminato assume un'espressione minacciosa tramite la semplice sovrapposizione di due immagini: si guarda il panorama montuoso ma allo stesso tempo si ha la sensazione di precipitare dalla vetta. L'opera ... hai visto le mie Alpi? presenta un cervo imbalsamato che indossa pantaloni di pelle. Questa scultura va intesa come critica e non come kitsch: chi è al corrente del drammatico peggioramento delle condizioni dei ghiacciai alpini interpreta la domanda come una richiesta di aiuto.

Dopo la formazione come fotografo Rémy Markowitsch ha lavorato dapprima in tale professione e come giornalista. Nel 1991 iniziò poi la carriera come artista indipendente. Il materiale che utilizza da allora per le sue opere proviene ad esempio dai libri per bambini di Heidi scritti da Johanna Spyri, da archivi fotografici del XX secolo, da libri di botanica degli anni Cinquanta o da manuali di fitness degli anni Trenta del secolo scorso. In questi mondi di immagini riscoperte l'artista agisce da archivista, da cronista ma anche da creatore di cose nuove.

Rémy Markowitsch è nato a Zurigo (Svizzera) nel 1957, vive e lavora a Berlino (Germania).

Campi di attività: fotografia, installazioni, video, testi

X Meno