Véronique Zussau

© Véronique Zussau

Le favole ci guidano nel regno dell'immaginazione, le cartine geografiche in quello della realtà. Sia le une che le altre giocano un ruolo nelle installazioni, nei video, nelle fotografie e negli oggetti di Véronique Zussau. L'artista, che prima si interrogava sull'essenza del mondo in installazioni cariche di significati simbolici, negli ultimi tempi ha spesso sfruttato materiale cartografico nelle sue opere.

Avanti

Zussau, nata in Francia, ha studiato arte all'Ecole Supérieure d’Arts Visuels di Ginevra dove si è diplomata nel 1989. Negli anni 2000 si è affermata con installazioni suggestive e poetiche in cui veniva tracciato lo schizzo di racconti enigmatici e surreali ma che allo stesso tempo parevano sempre rimandare alla realtà contemporanea. Nell'installazione Alice (2007) si intreccia un dialogo tra un oggetto simile a corna di cervo, una sequenza video con persone impegnate in un gioco da tavolo, una proiezione della Terra vista dallo spazio e un personaggio di Alice nel Paese delle Meraviglie di Disney. In Les yeux au ciel (2006), in un cerchio disegnato su una parete, illuminato dal bagliore di un tubo al neon ricurvo, l'ombra creata da un cigno impagliato sembra diventare un'immagine vivente. In queste creazioni spaziali e nelle fotografie che le ritraggono confluiscono ripetutamente motivi iconografici e riferimenti a favole, mentre i contenuti ripercorrono una riflessione sul rapporto tra uomo, arte e natura, sul delicato equilibrio del mondo e sul potenziale dell'immaginazione. Dal 2010 l'attenzione dell'artista si è spostata sempre più sul paesaggio come territorio politico ed economico, trovando espressione in opere contenenti sezioni di cartine geografiche.

La critica d'arte svizzera Annelise Zwez ha citato ripetutamente le prime installazioni di Véronique Zussaus come esempio della tendenza a narrazioni (individuali) nel panorama artistico contemporaneo. Zussau, che ha ricevuto diversi riconoscimenti, dal 2000 insegna alla scuola di design «Schule für Gestaltung» di Berna e Bienne. 

 

Véronique Zussau, nata nel 1962 a Parigi (Francia), vive e lavora a Berna (Svizzera).

Campi di attività: installazioni, sculture, video,fotografia

X Meno

La redenzione?