Oranger Fäderma

1977,
109.6 x 79.1 x 4 cm
Materials and Techniques
Tecnica mista su carta

Nel 1958 Georg Schmidt, l'allora direttore del Museo d'Arte di Basilea, giudicò il pittore svizzero Rolf Iseli uno dei «più radicali esponenti del tachisme» – un movimento artistico che propugnava una creazione pittorica spontanea e astratta, il cosiddetto «Informel» (l'arte informale). Questi sono stati i fulminanti inizi dell'ampia opera di Iseli, che rispecchia costantemente la situazione e il mondo dei pensieri dell'artista.

Ulteriori informazioni sull'artista